Lo Standard ISO 37001

La norma UNI ISO 37001 costituisce uno standard di gestione finalizzato a supportare le aziende nella lotta contro la corruzione.

Questa attività si attua attraverso l’adozione di misure di prevenzione quali lo sviluppo di una cultura di trasparenza, conformità e integrità, la predisposizione di una politica anticorruzione, la valutazione dei rischi specifici, la definizione di relative procedure, il monitoraggio dei fornitori e dei partner commerciali.

Non solo certificazione

Implementando il Sistema di Gestione Anticorruzione secondo la ISO 37001, le organizzazioni possono dimostrare il massimo impegno nella prevenzione del fenomeno corruttivo. Lo standard può costituire un vantaggio anche ai fini del rating di legalità attribuito  dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato.

Inoltre si possono prevenire comportamenti fraudolenti e sleali dei collaboratori.

Integrazione con i sistemi aziendali

Il Sistema di Gestione Anticorruzione si integra con gli altri sistemi di gestione aziendali come la qualità (ISO 9001), l’ambiente (ISO 14001), la sicurezza sul lavoro (ISO 45001).

Come gli altri sistemi di gestione, rappresenta un efficace supporto al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/01.


I principi dello standard

Approccio alla gestione del rischio

L’organizzazione deve intraprendere processi orientati al Risk Management (gestione del rischio), intendendo azioni coordinate e sistematiche attraverso cui l’azienda identifica, analizza, quantifica, elimina e monitora i rischi legati alla presenza di fenomeni corruttivi effettivi e/o potenziali.

L’obiettivo principale del Risk management è quello di minimizzare le opportunità di corruzione e massimizzare l’efficacia e l’efficienza dei presidi di prevenzione.

Si tratta di un insieme articolato di processi attraverso cui si valutano la probabilità che si verifichi un evento di corruzione, si stimano le conseguenze e la loro gravità, si individuano le azioni necessarie per evitarlo, ridurne gli effetti o infine accettarlo attivando protocolli di controllo e vigilanza.

Impegno della direzione

L’organizzazione deve dotarsi di una Governance orientata alla prevenzione della corruzione in tutti gli ambiti aziendali.

Il vertice aziendale esprime il proprio impegno attraverso la definizione della politica e degli obiettivi generali nell’ottica della prevenzione della corruzione e dei rischi connessi con il business aziendale.
Devono essere promossi comportamenti volti a creare e mantenere la consapevolezza circa l’importanza della compliance normativa  per tutte le attività aziendali.
La Direzione mette a disposizione le risorse necessarie alla definizione, attuazione, mantenimento e miglioramento del Sistema, definendo i ruoli, assegnando responsabilità e le opportune deleghe di autorità, al fine di facilitare l’efficace gestione del Sistema anticorruzione.

Coinvolgimento delle parti interessate

L’organizzazione deve attuare lo Stakeholder Engagement e cioè il processo con il quale vengono coinvolte, nella formulazione delle politiche e strategie, le parti interessate che possono influire sul raggiungimento degli obiettivi aziendali oppure che da questi possono essere influenzati.

Si tratta di un processo sistematico di dialogo e di coinvolgimento, che muove dalla comprensione dei bisogni degli stessi Stakeholder ed è finalizzato alla soddisfazione delle loro aspettative.

Miglioramento continuo

L’organizzazione deve attuare un approccio orientato al Continuous Improvement delle prestazioni aziendali in termini di prevenzione e lotta alla corruzione.

Per attuare il miglioramento continuo, la Direzione deve:

  • definire un sistema di monitoraggio e reporting, individuando opportuni indici di prestazione aziendale;
  • predisporre un’attività sistematica di auditing che permetta di verificare l’attuazione e l’efficacia del sistema;
  • condurre Management Review per riesaminare periodicamente il raggiungimento degli obiettivi e stabilire nuovi traguardi individuando le risorse necessarie per raggiungerli.

Post recenti

Un video sulla corruzione molto bello proveniente dal Brasile

Corruption. Bribery. Diversion of funds. Who is accountable? Questo è il titolo di un video commissionato da GLOBO NEWS il canale televisivo del quotidiano brasiliano O Globo. Notoriamente il Brasile è affetto da una corruzione endemica che ne blocca uno sviluppo potenzialmente enorme. Il quotidiano O Globo è da sempre in prima fila contro la […]

Legge 9 gennaio 2019 n°3 e ISO 37001

La legge 9 gennaio 2019, n°3 La Legge 9 gennaio 2019, n°3 è stata approvata in via definitiva il 18.12.2018 e pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 16.01.19. Questa legge incide profondamente ed in vari aspetti sul tema della corruzione e della sua prevenzione confermando l’importanza del sistema anticorruzione a norma ISO 37001. Le novità della […]

Eventi


La corruzione …

Sì, la corruzione odora di putrefazione. Ma il corrotto non se ne accorge, come succede con l’alito cattivo, allora bisogna innescare una terapia radicale di guarigione.

Guarire dalla Corruzione, 2013

Jorge Mario Bergoglio

La corruzione è una tassa occulta, frena gli investimenti esteri, distorce i mercati, umilia il merito e calpesta la cittadinanza.

Anni perduti scelte urgenti  su Corriere della Sera, 2012

Ferruccio De Bortoli

La corruzione è l’arma della mediocrità.

Papà Goriot, 1834

Honoré de Balzac

 


I partner

Questa iniziativa è supportata da: